Avviata all’Università la raccolta differenziata. Ogni dipartimento sarà munito di bidoni carrellati

0

Questa mattina, 20 marzo, presso la cittadella universitaria di Viale delle Scienze il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Fabrizio Micari, il Sindaco Leoluca Orlando, l’Assessore all’Ambiente Sergio Marino e il Presidente Rap Roberto Dolce hanno dato avvio all’attività del servizio di raccolta differenziata programmato all’interno del progetto che prevede anche l’educazione ambientale all’interno del Campus.

Tale attività era stata anche prevista nell’ambito del Protocollo di intesa siglato il 9 giugno 2016 tra Università di Palermo, Comune di Palermo e RAP, finalizzato allo svolgimento di attività di interesse comune di natura tecnica, scientifica e didattica.

Nello specifico la raccolta differenziata prevede che vengano conferite in modo separato le frazioni di materia (carta/cartone, plastica, metalli, vetro).

A tale scopo sono stati installati circa 150 bidoni carrellati di colore diverso, aventi capacità di 360 litri, localizzati in corrispondenza dei Dipartimenti universitari, delle grandi utenze interne alla cittadella (bar, mensa) e degli spazi comuni; inoltre, ciascun Dipartimento sarà dotato di contenitori salva carta, forniti da COMIECO (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base cellulosica).

Il servizio di prelievo da parte della RAP avrà cadenza bisettimanale e ogni tipologia di rifiuto differenziato, come già avviene sull’intera città per la raccolta differenziata “porta a porta”, stradale e di prossimità, sarà conferito presso le piattaforme autorizzate e convenzionate rispettivamente con: Comieco (Carta e Cartone), Coreve (Vetro) e Corepla (plastica e metalli).

L’intera iniziativa è coordinata dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM), con la partecipazione attiva della componente studentesca per quanto concerne le attività di informazione e comunicazione alle utenze interessate dal servizio.

“Sono particolarmente lieto di presentare questa iniziativa che costituisce un momento di importante crescita del senso civico che vuole trasmettere l’intera comunità universitaria.  – ha sottolineato il Rettore, Fabrizio Micari – In questo modo UniPa rafforza il processo di sensibilizzazione già avviato ad un folto e importante target di popolazione, formato soprattutto da giovani. I temi di protezione dell’ambiente e conservazione delle materie prime sono sempre stati valori che UniPa ha contribuito a fornire, nel solco delle politiche di Palermo città universitaria,  per il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata della città.  Si avvia oggi – ha continuato –  la prima fase di un più lungo percorso di qualificazione ambientale del campus universitario, che prevede anche interventi per la raccolta della frazione umida di origine organica e il suo utilizzo per la produzione di compost, da destinare ai terreni all’interno al suo interno. Questo è solo l’inizio – ha concluso il Rettore – abbiamo in previsione ulteriori interventi per estendere la raccolta differenziata anche alle altre sedi universitarie”.

“Prosegue il cammino di collaborazione tra l’Università e l’amministrazione comunale – dichiara il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando – che adesso trova la sua applicazione anche nella città universitaria,  un’area che ospita ventimila presenze e nella quale si registra  una grande sinergia anche con gli studenti e il personale. L’avvio della differenziata nel campus e le attività di informazione e sensibilizzazione, costituiranno un’altra prassi positiva realizzata in città”.

“L’iniziativa all’interno della cittadella universitaria ha un valore educativo maggiore che altrove, perché rappresenta il tempio della cultura e del sapere – dichiara l’Assessore all’Ambiente, Sergio Marino – e i nostri studenti attraverso un corretto conferimento e il rispetto per la cosa pubblica saranno il modello della nuova società che sicuramente non rimarrà indietro rispetto alle più avanzate culture europee”.

Ufficio Stampa Università degli Studi di Palermo

Share.

Comments are closed.