Presentato il progetto “Infermeria” di Sislej Xhafa. Venerdì 17 l’inugurazione a ZAC

0

E’ stato presentato alla Gam il progetto dell’artista kosovaro Sislej Xhafa, “Infermeria”, curato da Paola Nicita, e ideato appositamente per Palermo e i suoi Cantieri culturali alla Zisa. Il 17 marzo, l’inaugurazione alle 18, al padiglione ZAC dei Cantieri culturali alla Zisa.

“Tutto è nato – ha raccontato Xhafa – da un incontro al MAXXI di Roma con l’assessore Andrea Cusumano e la curatrice Paola Nicita. Trovo magica Palermo e altrettanto straordinario uno spazio come i Cantieri culturali, dove abbiamo intrapreso un lavoro impegnativo lungo sei mesi. Mi piace ragionare con la città e la sua storia senza romanticismi, in maniera asciutta, in una modalità che io chiamo “attrito”, un meccanismo che funziona senza olio. “Infermeria” è una sfida col tempo. Non so se sono un artista, di sicuro sono una persona impegnata prima di tutto umanamente. L’arte ti trascina in un’altra dimensione. Di più: credo che sia l’unica democrazia rimasta”.

“Il progetto di Sislej Xhafa – è il commento del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando –  rappresenta un momento di riflessione pensato per Palermo e il suo percorso che ha visto negli ultimi anni, grazie al tema dell’accoglienza e del diritto alla mobilità umana internazionale, una grande apertura culturale della città in dialogo col mondo”.
“E’ stata fondamentale – spiega la curatrice Paola Nicita – la ricerca sul luogo, la scelta dei Cantieri culturali, come metafora di una città che si autosostiene, e il rimando al contesto sociale, seguendo quelli che da sempre sono i temi della ricerca di Xhafa”.

INFERMERIA Sislej Xhafa

Progetto a cura di Paola Nicita
“Infermeria”, questo il titolo del progetto, curato da Paola Nicita, verrà realizzato ai Cantieri Culturali alla Zisa, complesso industriale degli inizi del Novecento, dove si trova il grande spazio espositivo Zac- Zisa Arti Contemporanea del Comune di Palermo; il progetto, sostenuto dall’Assessorato comunale alla Cultura, in collaborazione con Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana.
Il progetto di Sislej Xhafa per Palermo è site specific: nasce proprio da e per i luoghi palermitani, in particolare per l’emblematica cittadella dei Cantieri culturali alla Zisa, nata per la produzione industriale di mobili Belle Epoque e successivamente, durante la Guerra mondiale, divenuta fabbrica per la costruzione di velivoli militari. Oggi la vocazione di questo luogo è la cultura, con spazi che ospitano l’Accademia di Belle Arti, centri culturali stranieri, il Centro sperimentale di cinema per il documentario, un cinema con 500 posti, uffici e laboratori. “Infermeria”, in questo contesto, mira ad un’analisi delle strutture e degli spazi esistenti, che divengono emblema e metafora di una situazione contingente, che, seppur in maniera differente, riguarda ciascuno di noi. “Infermeria” è una questione aperta, una modalità “altra” che si frappone nella relazione tra persone e luoghi, dove i corpi e le architetture ricercano una assonanza inedita e non scontata, nell’ottica di una analisi di se stessi a cui si deve giungere con una sintesi oramai necessaria, scevra da sovrastrutture.
Via il superfluo, è tempo di vivere un presente in prima persona, per meglio comprendere esigenze, emergenze, urgenze degli altri, e dunque di noi stessi.
Dentro il progetto ci sono i luoghi e le architetture, c’è la città di Palermo, c’è la posizione di un’Isola sempre più metafora e invenzione mitologica di se stessa: e, non ultima, c’è la presenza della volontà di una parte di politica che tra le prime ha fatto dell’accoglienza la sua carta da visita, con documenti importanti e preziosi come la Carta di Palermo.
Questione politica come questione morale, che in questi giorni di tensione e derive autoritarie appare un segnale importante intorno al quale costruire una nuova opportunità di riflessione. “Infermeria” sarà una mostra che porrà in relazione Zac con l’intera cittadella dei Cantieri culturali alla Zisa, e in particolare con un luogo al suo interno: individuando una modalità “altra” di coinvolgimento del pubblico, che diverrà motore agente dell’intero progetto, per una esperienza soggettiva che si trasforma in una riflessione che si allarga ad un intero sistema sociale e politico.
Il progetto sarà accompagnato da un catalogo d’arte progettato da Sislej Xhafa, con testi, testimonianze, immagini, che diverrà prezioso lasciapassare per affrontare nuovi viaggi.

Sislej Xhafa è nato a Pejë, Kosovo, nel 1970. Vive e lavora a New York.
Xhafa ha esposto in numerosi musei e fondazioni, tra cui MAXXI Museum, Roma; BWA Sokol Galleria d’Arte Contemporanea, Nowy Sacz; François Pinault Foundation, Palazzo Grassi, Venezia; Hardau City Park, Zurigo; Museo MADRE di Contemporanea, Napoli; GAMeC, Bergamo; Museo di Pera, Istanbul; MDE15, Medellin, Colombia, Wilfredo Lam Center, L’Avana; MOCAD, Detroit; Mori Art Museum, Tokyo; Tate Modern, Londra; Stedelijk Museum, Amsterdam; Dakota Museum North of Art, Grand Forks; Museo di Arte di Haifa, Haifa; Palais de Tokyo, Parigi; S.M.A.M., Gent; PS1, New York, Museo Zacheta, Varsavia.
Xhafa ha anche partecipato a diversi biennali: Biennale dell’Avana, Cuba; Biennale di Gwangju, Corea; Göteborg Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea Rethinking Dissent, Svezia; PERFORMA05, performance biennial, USA; Bienal de Arte Contemporáneo di Siviglia, Spagna; Biennale di Istanbul, Turchia; Manifesta III, Slovenia; e la Biennale di Venezia (1997,1999, 2005 2013 e sarà presente alla prossima, nel 2017).

Cantieri Culturali alla Zisa – Zona Arti Contemporanee (ZAC)  Via Paolo Gili, 4 – 90138 Palermo

Share.

Comments are closed.