Riattivati servizi residenziali per donne vittime di violenza

0

L’Assessora alla Cittadinanza Sociale Agnese Ciulla comunica l’avvio del progetto “Un sistema di intervento per prevenire e contrastare la violenza verso le donne” e la riattivazione dei servizi residenziali per donne vittime di violenza,

Dell’avvenuto avvio del progetto, per il quale sono stati utilizzati i fondi del piano di zona ai sensi della L. 328/2000, l’associazione Le Onde, che opera in partnership con l’Associazione Buon Pastore Onlus, ha provveduto a comunicare operativamente la Rete cittadina contro la violenza alle donne e ai bambini, composta da Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Municipale, Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, Comune di Palermo – Assessorato Cittadinanza Sociale, ARNAS Civico Di Cristina Benfratelli, AOUP Paolo Giaccone, AOOR Villa Sofia – Cervello, ASP Palermo- Centro Armonia, Le Onde Onlus.

L’intervento mira a garantire, attraverso un sistema integrato d’intervento interconnesso con la Rete antiviolenza della città di Palermo, un percorso per le donne vittime di violenza, italiane e straniere, sole o con figli che vada dal primo contatto alla compiuta definizione della fuoriuscita dalla violenza, anche attraverso l’ospitalità in case rifugio ad indirizzo segreto.

Le procedure

Dal 2 gennaio 2017 è attivo il Centro antiviolenza di via XX Settembre 57. Giorni e orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 09.30 alle ore 13.30 – martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 19.30

La seconda sede si aprirà nel mese di marzo. Orari e giornate da definire.

I servizi sono gestiti da personale femminile adeguatamente formato e con esperienza nella strutturazione di Percorsi individuali di accoglienza per donne vittime di violenza (esperte in counseling di crisi ed interventi sul trauma), integrati da una serie di prestazioni a consulenza sia interne al Centro che esterne.

Inoltre, dal 23 gennaio 2017, è attivo – 10 ore al giorno dal lunedì al sabato (ore 09.00 – 19.00) – un Servizio di Accoglienza Telefonica (S.A.T.) – Tel. 091. 327973, a cui risponderà personale femminile, garantirà l’anonimato ed il rispetto della normativa sulla privacy, fornirà una prima risposta informativa, con particolare riguardo alla messa in sicurezza della donna. Il S.A.T. è il primo punto i contatto per le donne e per operatori. Sul piano metodologico opererà attraverso l’elaborazione di una risposta progettuale integrata, partendo da una prima analisi situazionale, biografica e di contesto della situazione di violenza prospettata, individuando obiettivi in priorità ed in relazione alla valutazione del rischio in atto;

Attive anche 2 Case rifugio per donne vittime di violenza con o senza figli/e. Beneficiarie: Donne native e migranti, sole e/o con figli con meno di 14 anni di età (con particolare attenzione alle prime) vittime di una qualsiasi tipologia di violenza domestica o verso le donne (secondo Convenzione di Istanbul), residenti nel DSS42, previa valutazione del rischio che permetta l’ospitalità a chi necessità di protezione e di un luogo ad indirizzo segreto per la costruzione di un nuovo progetto di vita per sé e per i propri figli.  La disponibilità di posti è limitata, complessivamente n. 24 posti – 8 nuclei, di cui 14 (5 nuclei) per la prima casa rifugio (emergenza) e 10 per la seconda (3 nuclei, secondo livello). Per le situazioni di emergenza / urgenza Gli ingressi in struttura avverranno ad opera di Forze dell’ordine, Pronto soccorso ospedalieri, Servizi sociali e/o socio sanitari presenti nella rete e del distretto, Centro antiviolenza e Servizio di Accoglienza Telefonica (S.A.T.).

Si potrà contattare la Casa di emergenza ventiquattro ore su ventiquattro attraverso il S.A.T. negli orari di accoglienza telefonica, previa valutazione del rischio e – se presenti minorenni – con le procedure consolidate per allontanamento del nucleo in emergenza.

La permanenza presso le strutture sarà valutata singolarmente per un periodo variabile in funzione della situazione di emergenza, mentre è prevista di sei mesi/un anno per la permanenza di secondo livello.

Il progetto prevede anche iniziative ed attività per la promozione del servizio nell’intero territorio del distretto socio sanitario 42, il cui capofila è la città di Palermo ; il  coinvolgimento e l’interazione con la Rete cittadina antiviolenza e la mappatura delle risorse presenti nel territorio del distretto 42.

Fonte: Comune di Palermo

Share.

Comments are closed.